Ultimi arrivi

  • Asciugamani bagno Pizzo Rebrodè in puro lino
    Asciugamani bagno Pizzo...

    Coppia asciugamani bagno in puro lino con prezioso pizzo rebrodè panna nella balza esterna. Misure: asciugamano 1 pz cm 70x110; asciugamano 1 pz cm 40x70

  • Centrino in Pizzo Rebrodè Lurex
    Centrino in Pizzo Rebrodè...

    Centrino rettangolare realizzato interamente in prezioso Pizzo Rebrodè Lurex. Misure: centrino cm 135x40

  • Centri in Pizzo Rebrodè Lurex
    Centri in Pizzo Rebrodè Lurex

    Set centrini 3pz rettangolare realizzati interamente in Pizzo Rebrodè Lurex. Misure: centrino 1 pz cm 95x45; centrini 2 pz cm 45x35

  • Centro Tavola  in Pizzo Rebrodè Lurex
    Centro Tavola in Pizzo...

    Centro Tavola interamente realizzata in pregiato Pizzo Rebrobè Lurex. Misure: tovaglietta cm 100x100

  • Tovaglia da tavolo Rebrodè in puro lino
    Tovaglia da tavolo Rebrodè...

    Tovaglia da tavolo x12 in puro lino con applicazioni in Pizzo Rebrodè Lurex con dodici tovaglioli. Misure: tovaglia cm 180x290; 12 tovaglioli cm 45x45

Guida ai ricami

Il ricamo è un’arte antichissima nata con molta probabilità in Oriente e sviluppatasi poi anche in Occidente. In Italia, e più precisamente in Sicilia, questa arte inizia intorno all’anno mille per poi estendersi in tutte le altre regioni, ognuna delle quali affina tecniche specifiche per impreziosire e personalizzare biancheria e capi di abbigliamento. In seguito queste tipiche lavorazioni perdono l’appartenenza regionale per cristallizzarsi come vere e proprie tecniche di ricamo universali.

Di seguito descriviamo alcuni dei più diffusi e noti ricami eseguiti sui nostri manufatti.

 

Lavorazione Burano

Il Burano può considerarsi una derivazione dei merletti ad ago orientali e la sua esecuzione ebbe origine a Venezia verso la fine del XV secolo. Con il decadimento della Serenissima anche il pizzo Burano arrivò alla fine del 1700 alla quasi scomparsa, ma nel 1800, con la costituzione di una scuola di merletti nell'isola, si ebbe una produzione di grande prestigio. Si esegue libero, senza tracciati, ed è costituito da punti a pippiolini e punti a rilievo, che esigono una grande capacità tecnica di esecuzione. La difficoltà dei punti impiegati richiede spesso la compartecipazione di più ricamatrici alla esecuzione di un unico pezzo, perché ognuna è specializzata in un punto particolare.

 

Lavorazione Cantù

L'esecuzione dei merletti a Cantù è stata portata in Italia nel XVI secolo dalle suore Benedettine provenienti dalla Francia. Si esegue con l'aiuto di un cuscino chiamato tombolo, con degli spilli e numerosi fuselli che servono per intrecciare i fili che compongono questo pizzo.

 

Lavorazione Filet

Lavorazione che si caratterizza per la quadrettatura che si presenta come una rete sulla quale si esegue il ricamo. Manufatto probabilmente derivante dall' antica lavorazione delle reti dei pescatori. Su una struttura a rete lavorata con un ago, chiamato anche modano, ed una morsa vengono poi aggiunti, con vari punti di ricamo, i disegni che formeranno l'opera compiuta.

 

Lavorazione Intaglio

O guipure, si ottiene seguendo il disegno predeterminato a punto festone, completo di barrette d'unione, e quindi, solo a ricamo terminato, si ritaglia la stoffa per ottenere il disegno forato. Il punto festone, usato per il ricamo ad intaglio e il punto Venezia, viene usato anche per fare il profilo di rifinitura nei capi smerlati.

 

Lavorazione Sfilato

Ricamo molto antico di origine sciliana, eseguito a fili contati su un fondo detto "rete", coperto poi a punto cordoncino. Viene eseguito prevalentemente su tessuti di lino a trama regolare.

 

Punto inglese

È detto anche Madera perché originario dell’isola portoghese. È un cordoncino eseguito con regolarità di punti e presenta gocce, pallini bucati con i quali si disegnano fiori, ghirlande o bordure.

 

Punto Ago

È una particolare lavorazione in cui il tessuto a fili contati viene sfilato e lavorato ad aghi eseguendo travetti e pippiolini.

 

Punto Antico

È una tecnica di ricamo a fili contati da eseguire su tessuto a trama e si basa sull'alternarsi di vuoti e pieni nella forma di disegni geometrici.

 

Punto Erba

Fra i punti del ricamo è il più semplice da realizzare. Se eseguito a file ravvicinate serve come punto di riempimento per spazi non troppo estesi.

 

Punto a giorno

Vengono chiamati punto a giorno tutti quei ricami eseguiti su tela precedentemente sfilata, con i quali, raggruppando in maniera diversa i fili tolti, si ottengono combinazioni artistiche ed ornamentali. In prevalenza si lavorano al rovescio del lavoro e da sinistra verso destra.

 

Orlo a giorno

Applicazione del punto a giorno per rifinire il bordo di biancheria ricamata.

 

Gigliuccio

Si tratta di un punto di ricamo di antica scuola marchigiana, tuttora molto usato per la bordatura della biancheria.

 

Punto Norvegese

Il nome deriva dal luogo di origine. È simile allo sfilato siciliano, in quanto i contorni del motivo vengono prima coperti dal punto piatto e quindi eseguite le sfilature per lo più di motivi geometrici.

 

Punto Ombra

Generalmente usato su tessuti trasparenti per mettere in risalto la leggera ombreggiatura data dal punto incrociato eseguito sul rovescio del ricamo.

 

Punto Pieno

Si usa per riempire spazi non molto larghi e necessita di una buona precisione di esecuzione. Si esegue con punti verticali ben vicini gli uni agli altri, introducendo l'ago dall'alto verso il basso, seguendo il tracciato del disegno.

 

Punto Rodi

Solitamente usato nel ricamo bianco su bianco, serve ad ottenere un reticolo geometrico di riempimento, che se eseguito su un fondo traforato risulta di grande effetto.

 

Rebrodè

E’ una singolare lavorazione dei filati per ottenere un tessuto leggero, elegante e decorativo.

 

Refilet

È un’originalissima e ricca lavorazione di particolare effetto decorativo che unisce il pregiato pizzo Rebrodè alla fine manifattura Sfilato.